Consorzio: la prima apparizione sul territorio

Il Consorzio Zafferano di Nepi si è inserito tra gli stand della classica sagra primaverile per ottenere il primo gettone di presenza sul territorio: una scelta premiata dai cittadini. 

Una sagra per dare il via alle danze. Il Consorzio Zafferano di Nepi ha alzato il sipario facendo la sua prima apparizione sul territorio. Dopo un anno, l’organizzazione si è inserita negli stand del classico evento nepesino che si tiene in primavera. Sabato 12 e domenica 13 maggio, in piazza d’Armi, il Consorzio c’era per dare il primo segnale di presenza.

I cittadini laziali e nepesini hanno dato una risposta incoraggiante. Il prodotto principale della casa, lo zafferano puro in pistilli (che è stato venduto in diverse grammature), è andato per la maggiore. Molto apprezzati, inoltre, sono stati altri due prodotti, vale a dire i tozzetti e la birra. Squisiti biscotti artigianali i primi, una Golden Ale di singolo malto la seconda. In comune, un “condimento” speciale: l’oro rosso è andato ad arricchire il gusto dei tozzetti e a impreziosire la fermentazione della Maltosia.

Creare un futuro diverso

La partecipazione dei cittadini ha forgiato ancor di più le convinzioni del Consorzio, desideroso di continuare l’opera di trasmissione dei suoi valori – dentro e fuori dal territorio –, allo scopo di arrivare al cuore di chi va alla ricerca di eccellenze, specialità e gusti particolari.

Non a caso il Consorzio è nato per rivalutare e valorizzare un territorio che offre una lunga serie di ricchezze naturali, tra cui proprio la preziosa spezia, e che quindi riserva diverse possibilità di espressione sotto ogni punto di vista.

Il Consorzio Zafferano di Nepi vuole costruire un futuro basato sulle sane relazioni, convinta che i risultati economici saranno la naturale conseguenza. Un ideale su cui fondare uno stile di vita unico, comune, affinché possa conoscere il successo che merita.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *